Monitor-Idrico 2020: on line anche i report della macro-area Sud e Isole

Pubblicati i report che sintetizzano lo stato degli assetti organizzativi e gestionali del servizio idrico integrato nelle 8 regioni meridionali e insulari.

Dopo i report di Lazio, Marche, Toscana e Umbria,  Monitor-Idrico aggiunge i documenti di analisi dedicati allo stato dei servizi idrici in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

La macro-area Sud e Isole ricomprende, complessivamente, 16 ATO, 8 dei quali di estensione regionale. Solo la Regione Siciliana ha fatto corrispondere i confini degli ambiti con quelli delle province.  

Il confronto tra i singoli casi regionali evidenzia marcate differenze a livello territoriale: alcune regioni come la Puglia, Basilicata e Sardegna hanno completato i processi di riordino dettati dalla disciplina nazionale e comunitaria e si distinguono per la presenza di un gestore unico d’ambito che serve pressoché tutta la popolazione regionale.

Al contrario, Molise e Calabria in ritardo nell'attivazione dei corrispondenti enti d'ambito, si caratterizzano per l’elevata incidenza delle gestioni svolte in economia dai singoli comuni. Analogamente, Campania e Sicilia si contraddistinguono per l’elevato livello di frammentazione gestionale, seppur con spiccate differenze tra i singoli ATO o bacini distrettuali presenti sui rispettivi territori regionali. 

Tutti i dettagli nei report accessibili dai link in basso.

 

Vai a Monitor-Idrico Abruzzo >>>

Vai a Monitor-Idrico Basilicata >>>

Vai a Monitor-Idrico Calabria >>>

Vai a Monitor-Idrico Campania >>>

Vai a Monitor-Idrico Molise >>>

Vai a Monitor-Idrico Puglia >>>

Vai a Monitor-Idrico Sardegna >>>

Vai a Monitor-Idrico Sicilia >>>